Eventi

2019
ALTI BASSI
venerdì 08 marzo 2019 h.20.30

ALTI&BASSI

TEATRO SOCIALE (ore 9.45 e 11.15 matinèe per le scuole)

Quintetto vocale a cappella Jazz and Swing

“Festa della donna”

Considerati dalla critica “gli eredi dei Cetra”, gli Alti & Bassi sono un quintetto vocale a cappella attivo fin dal 1994. Con le voci e 5 microfoni costruiscono le loro armonie senza far uso di strumenti, ma imitandone all’occorrenza
alcuni come batteria, basso, fiati, chitarre… Lo spettacolo è un mix di intrattenimento, musica, cultura condotto sempre in punta di ironia e con il garbo di chi conosce l’argomento e vi gioca con saggia leggerezza.

Al Teatro Sociale di Sondrio presenteranno un programma che spazia da J.S.Bach, attraverso la musica classica fino alla canzone del 900, con un’attenzione particolare alle canzoni d’amore da dedicare alle donne nel giorno
dell’anno in cui vengono celebrate. Gli Alti & Bassi affrontano un originale percorso nella sperimentazione e contaminazione armonica nel tentativo di dimostrare l’insussistenza di un confine tra musica colta e musica leggera.

La virtuosissima cantatrice3
domenica 07 aprile 2019 h.21.00

LA VIRTUOSISSIMA CANTATRICE

TEATRO SOCIALE, RIDOTTO “CELESTINO PEDRETTI” - ore 17.30 e ore 21.00

Emanuela Galli soprano
Gabriele Palomba tiorba

un ritratto di Barbara Strozzi a 400 anni dalla nascita

Erano richieste in tutta Europa, viaggiavano come i musicisti uomini e alternavano il lavoro di compositrici a quello di esecutrici e cantatrici: sono le musiciste italiane, soprattutto veneziane e in particolare del Seicento. La più importante tra di loro fu probabilmente Barbara Strozzi. Ed è anche la compositrice seicentesca di cui conserviamo la biografia più ricca. Gran parte delle composizioni di donne non si sono salvate in quanto nessuno le ha trascritte. In totale, in vita, Barbara pubblicò 125 brani di musica vocale. E mentre la sua musica prendeva
le vie d’Europa, lei pare che si spense nel 1677 a Padova, nell’oblio e nella ristrettezza di mezzi.

Emanuela Galli e Gabriele Palomba, musicisti internazionalmente affermati nel campo della musica barocca, ne tratteggiano un ritratto nei quattrocento anni dalla nascita.

Un egiziano a Venezia
domenica 12 maggio 2019 h.21.00

CONCERTO JAZZ Michel Godard trio

TEATRO SOCIALE, RIDOTTO “CELESTINO PEDRETTI” - ore 17.30 e ore 21.00

Natasha Mirkovic voce
Michel Godard serpentone / basso tuba
Ihab Radwan oud / voce

“Un egiziano a Venezia” Il barocco rivisto in chiave jazz

Michel Godard suona regolarmente con Natasa Mirkovic da Sarajevo (“In El Amor” Preis der Deutschen schallplatten kritik 2017) e Ihab Radwan da Il Cairo (“Doux Desirs” Dodicilune records). L’idea di unirsi al trio è dettata dall’intuizione di un incontro importante e bello. Tutti e tre hanno sempre lavorato per scoprire (o riscoprire) i ponti tra musica nuova e musica antica. Il trio ci trasporterà tra musica barocca e la musica sefardita e orientale, dal Rinascimento italiano alle composizioni originali di ciascuno. L’improvvisazione,
come una chiave di volta, collega mondi diversi. Venezia è il luogo ideale per l’incontro di queste diverse culture musicali, al di là di ogni temporalità.

Da Monteverdi a Haendel fino a improvvisazioni attuali dove i tre musicisti si confrontano in un viaggio temporale che abbraccia i vari generi antichi ed attuali.

ORCHESTRA DELLA
sabato 15 giugno 2019 h.20.45

ORCHESTRA DELLA CIVICA SCUOLA DI MUSICA «CLAUDIO ABBADO» e I CIVICI CORI DI MILANO

CHIESA COLLEGIATA DI SONDRIO

Concerto fuori abbonamento - Ingresso con offerta libera

Mario Valsecchi Direttore

Wolfgang Amadeus Mozart: Sinfonia Kv 551 in do maggiore (Jupiter)
Luigi Cherubini: Requiem in do minore per coro e orchestra

“Concerto per la Festa dei Patroni di Sondrio”

In collaborazione con la Parrocchia dei Santi Gervasio e Protasio

Il concerto di chiusura della stagione 2018/2019 del CID Circolo Musicale, volendosi ancorare alle radici religiose  della città, propone uno di quei programmi che normalmente incantano il pubblico per profondità e maestosità del messaggio musicale. Grazie alle potenzialità della fervida attività di produzione musicale che la Civica Scuola di Musica “Claudio Abbado” di Milano mette a disposizione del territorio regionale avremo modo di ascoltare accanto ad uno dei capolavori assoluti di Mozart, la “Jupiter”, il Requiem di Luigi Cherubini, un’opera che, escludendo l’apporto di voci soliste, evita di dare alla parte corale intenzioni “virtuosistiche” mentre la parte orchestrale è di impressionante modernità, caratterizzata sia da tratti di inestimabile dolcezza sia da parti di vigorosa sonorità.